You are here: Home » Economia » Prestito veloce anche a chi non dispone di busta paga

Prestito veloce anche a chi non dispone di busta paga

Il lavoro scarseggia e purtroppo non tutti dispongono di una busta paga. Nonostante tutto però è possibile riuscire lo stesso ad ottenere un prestito veloce seppur con alcune limitazioni. Le banche sono restie a rilasciare dei prestiti a chi non dispone di un reddito regolare e qualora dovessero accettare la richiesta richiederanno una sorte di una garanzia.

Il finanziamento non dovrà avere un importo spropositato, ma al massimo arrivare a circa 5000 euro. Gli unici che non possono godere di questo “privilegio”, se così vogliamo chiamare, sono coloro che risultano cattivi pagatori.

Ecco le eccezioni per cui la banca potrebbe concedere il finanziamento

Le persone interessate sono molteplici e risultano essere disoccupati, lavoratori in nero, lavoratori autonomi, casalinghe o quant’altro. L’istituto di credito potrebbe decidere di concedere il prestito però necessitando di un Garante che abbia alle spalle una buona affidabilità creditizia e che non sia segnalato al Crif; anche utilizzando quest’ultima possibilità non sempre la richiesta puo’ andare a buon fine.

La banca potrebbe accettare di concendere il prestito anche senza un reddito certo, decidendo di utilizzare un metodo poco conveniente per il pagamento: le cambiali.

Un’altra alternativa sarebbe quella di mettere un’ipoteca sulla casa. Difficilmente però la banca accetterà quest’ipotesi se il finanziamento non ha una somma ingente, ma di piccola entità.

I lavoratori autonomi possono richiederli?

I lavoratori autonomi possono aver diritto a richiedere un prestito tanto che basta presentare il modello unico; di solito è meglio presentare quelli degli ultimi tre anni. Bisogna far in modo di dimostrare che si hanno avuto delle entrate regolari e questa è il modo migliore qualora non si disponga di una busta paga vera e propria.

Non ci si deve vergognare di aver bisogno di liquidità ed è per questa ragione che bisogna provare a far richiesta alle banche e/o a finanziarie aspettando di vedere che cosa hanno da offrirci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *